attività didattiche

Qui ci sono i miei testi che si prestano alla lettura da parte di insegnanti e che di caso in caso possono essere attività da fare a scuola o approfondimenti per la formazione del docente stesso.

Storie esponenziali è la presentazione di un paio di aneddoti che hanno a che fare con la crescita esponenziale e che possono essere utilizzati per parlare di potenze e per far toccare con mano l’esistenza di numeri che non è il caso di calcolare ma è preferibile lasciare indicati con base ed esponente. Si tratta di una lettura da fare in classe in 10-20′.

Quante sono le stelle? è un’attività articolata per scoprire le regolarità nelle “stelle”, ovverosia nelle figure ottenute considerando alcune diagonali di un poligono regolare. Il tema soggiacente è quello dei divisori. L’attività ha bisogno della guida di un insegnante e richiede alcune ore (non continuative) di lavoro.

In un lungo racconto divulgativo, I dadi e le loro forme, propongo sotto forma narrativa la dimostrazione del perché – mentre i poligoni regolari sono infiniti, uno per ogni numero maggiore di 2 – i poliedri regolari sono solo cinque e del perché sono proprio solo quei cinque. Si presta per lavori in gruppo o per piccole spiegazioni parziali fatte da studenti “solidi” che l’hanno prima letto a casa.

A cosa serve la matematica è una riflessione argomentata su che cosa sono i problemi e come possiamo, o meno, affrontarli. Più adatta come approfondimento per il docente che per un uso diretto con gli studenti.

I trapezi e lo strano caso del rettangolo (fantasma) è una sistematizzazione attorno alle definizioni dei trapezi, partendo da quelle più in voga sui libri di testo e cercando di mostrarne i limiti e alcune fallacie. Si tratta di una lettura per il docente anche se può essere utilizzata in una classe “vivace” per capire i limiti delle definizioni.

Infiniti criteri di divisibilità presenta i… criteri di divisibilità giustificando perché funzionano quelli più classici e noti e dando gli strumenti per costruirci i criteri di divisibilità per altri numeri primi. Si presta per un’attività laboratoriale in piccolo gruppo.

Matematica? Una questione da gatti è una piccola leggera antologia di brani più o meno classici che hanno a che fare con i gatti e con la matematica.

Le quattro attività proposte in Giochi a palla si rivolgono alle scuole medie (ops… secondarie di primo grado) e si basano su un approccio “sperimentale” alla scoperta matematica. Scegliendone una per volta, il tempo di realizzazione è compatibile con quello di una lezione o di al massimo un paio d’ore.

Alcune delle mille sfaccettature del pi greco presenta una spigolatura di curiosità non banalissime sul pi greco. Da leggere, ma anche da fare in alcune sue parti.

La prova del 9 e le sue sorelle è l’occasione per parlare di proprietà delle operazioni attraverso le “prove del 9”. Un interessante tema è poi quello di quando la prova del 9 sbaglia e ci dice che è giusto un calcolo in realtà sbagliato. Da fare in classe in due ore.

Tagliare una torta in parti uguali presenta uno stimolante approfondimento sull’area del cerchio e sulla lunghezza della circonferenza, arrivando a descrivere una divisione in n fette tutte della stessa area e tutte dello stesso perimetro (incidentalmente uguale alla circonferenza).

A caccia di un punto notevole è un problema (non per tutti) originale relativo ai triangoli: dove si trova un punto per il quale è minima la somma delle distanze tra i tre lati?

Se usate qualcuna di queste attività, sono interessato a conoscere i vostri feed-back: che cosa ha funzionato e che cosa no, le modifiche che avete apportato e i risultati che avete ottenuto. Contattatemi, grazie.

Allo stesso modo se avete attività didattiche che volete far conoscere, o che volete perfezionare con me, o sulle quali volete avere un mio parere, contattatemi senz’altro (non rimetto il link, è qui sopra, non siate pigri).